Crea sito

POLITICA E SCIENZA

 

Trascuriamo il fatto che il sistema meteorologico planetario è fisicamente e matematicamente un sistema “stocastico caotico”. Trascuriamo il fatto che i modelli matematici, per quanto sofisticati, sono ben lungi dall’essere perfetti, e non sono in grado, per natura intrinseca, di prevedere con sufficiente attendibilità le variazioni meteoclimatiche su aree “piccole” e intervalli “brevi”, cioè di fare previsioni il cui margine di errore sia decisamente inferiore a quello della previsione casuale e comunque sufficientemente basso. Trascuriamo il fatto che i modelli matematici si limitano a fare proiezioni statistiche sull’evoluzione di un sistema intrinsecamente instabile, sulla base di condizioni al contorno non uniformi e di discutibile attendibilità. Per intenderci, parliamo di quella stessa scienza statistica secondo la quale, dati alla mano, la vita nell’universo ha trillioni di trillioni di probabilità di NON esistere. Ma la vita esiste. Non intelligente (non si può pretendere tutto dall’universo!), ma esiste.

Ciò detto, facciamo alcune considerazioni. L’ARPAL non ha come scopo primario quello di fare le previsioni del tempo, cosa nella quale può tranquillamente fallire. L’ARPAL nasce ed esiste per proteggere l’ambiente, cosa nella quale potrebbe sicuramente riuscire, ma in cui fallisce miseramente. Colpa sua? Non del tutto. Non tutti sanno che l’ARPAL è una delle tante vittime della “spending review”, cioè dei tagli idioti ed indiscriminati che, anziché colpire le cose inutili, colpiscono i servizi, le scuole, gli ospedali, gli asili, i trasporti… L’ARPAL, una volta operativa ventiquattr’ore su ventiquattro, adesso ad una certa ora chiude. Ecco spiegato il mistero del numero verde muto dopo una certa ora.

Trascuriamo ancora una cosa: nel caso della recente alluvione l’ARPAL non serviva: per sapere che cosa stava per succedere bastava mettere il naso fuori dalla finestra, oppure, nel caso dei nostri irresponsabili “responsabili” un piccolo millimetro al di là del proprio naso. Se proprio vogliamo, sarebbe stato perfetto metterlo un millimetro al di là del naso fuori dalla finestra di un teatro: hai visto mai che ti accorgi che piove?

Trascurando, trascurando, si arriva sempre all’inevitabile conclusione. I morti e i disastri economici sono il risultato dell’esistenza e della permanenza di una casta mafiosa di italici fascisti bastardi di destra e di sinistra (e non dico “figli di puttana” per non offendere chi fa un lavoro onesto e socialmente utile) il cui scopo è unicamente quello di aumentare in continuazione le tasse per mantenere a caro prezzo il proprio culo su una poltrona istituzionale. Una qualsiasi, di una qualunque delle tante istituzioni marce, vuote, inutili e plutocratiche la cui esistenza serve solo a loro stesse.

Assassini di vite e di futuro? Sì, certo. Criminali? No, certo: agiscono e abusano legittimamente, protetti da una legge che li vuole (meritatamente) rappresentanti eletti (giustamente) da un popolo che ama farsi prendere per il culo e li vota imperterrito allo scopo, per poi lamentarsi quando questi diventano troppo bravi nel fare ciò per cui sono stati posti dove sono.

Tutto ciò non è opinabile politica. E’ scienza.

 

Print Friendly

Comments are closed.

DIGNITA’

Si è parlato di dignità di Genova nel fango e di dignità dei genovesi spalatori. Si sono visti i soliti […]

GENI

14 Ottobre ore 07.15. Casino inumano per strada. Molte strade ancora chiuse (e francamente non si capisce perchè, percorrendole a […]

CULTURA IGNORANTE

Una mattina, guardando distrattamente la televisione mentre sorseggiavo un caffè con gli occhi ancora mezzi chiusi dal sonno, mi sono […]

MOSTRI E UMANITA’

Ogni giorno arrivano dal Medio Oriente notizie che fanno accapponare la pelle. Ogni giorno pensiamo di avere visto e sentito […]

Come volevasi dimostrare

Il PD dà ragione a Renzi. Non c’era da aspettarsi nulla di diverso da un partito che negli ultimi anni […]

SEI DI GENOVA SE …

Sei di Genova se… se non è facile dire perché sei di Genova; se il colore della pelle, o la […]